Fuori di banco: seimila studenti delle superiori al primo round, pronti al secondo dal 5 al 7 ottobre

Data: 
04/10/2023
banner Fuori di Banco all'accesso al Forte Marghera di Mestre

[03-10-2023] Grande affluenza di studenti e pubblico per la prima tornata di Fuori di banco, il salone per l’orientamento ai percorsi di studio e di formazione post diploma della Città metropolitana di Venezia, che si è svolto dal 28 al 30 settembre presso il Forte Marghera di Mestre, in attesa del prossimo week end che sarà invece destinato a chi esce dalla terza media e si terrà dal 5 al 7 ottobre prossimi.

 

Si sono contati fin qui circa seimila studenti delle scuole medie superiori, che hanno affollato gli stand degli espositori al padiglione 30 del Forte, e che hanno assiepato le aule dell’edificio 53 dove si sono tenuti convegni, seminari e laboratori, con numeri da tutto esaurito, confermando la scelta di questa edizione 2023 che ha visto un raddoppio di espositori e di eventi rispetto all’anno scorso.

 

Mestre, Forte Marghera foto dal salone di fuori di banco dal 28 al 30 settembre 2023

 

Nelle sole quattro aule dell’edificio 53 si sono avvicendati in questa prima sessione del salone circa 5.000 studenti, che hanno partecipato a più di quaranta eventi culturali: qui hanno potuto incontrare e dialogare direttamente con i rappresentanti delle università, degli istituti tecnici superiori ed altri enti formativi e di orientamento al lavoro. Molto frequentate soprattutto le presentazioni delle università (10 quest’anno contro le 3 dell’edizione passata); grande successo anche gli approfondimenti sui Tolc, i test d’ingresso universitari su cui pare essersi concentrata l’attenzione di studenti come dei docenti incaricati dell’orientamento, tenuti dal Cisia, il consorzio interuniversitario dei sistemi integrati di accesso.

 

Molta attenzione è stata riservata anche ai 10 Its presenti, con i loro percorsi professionalizzanti tecnici superiori post-diploma; particolarmente attrattivi quelli per la formazione delle professioni digitali, dallo sviluppo di sistemi cloud, alla creazione di videogiochi, all’intelligenza artificiale, ecc.; ottimo interesse riscosso anche dalle proposte di Punto Confindustria e della Camera di commercio sull’importanza della scelta delle materie Stem (scientifiche, tecnologiche, matematiche e ingegneristiche). Ovunque numeri da tutto esaurito e posti in piedi.

 

Grande interazione negli stand dei 35 espositori, dove studenti e studentesse, talora accompagnati dai genitori, hanno potuto soddisfare la loro curiosità per una scelta post diploma, accademica, classica, tecnica o scientifica, ma anche artistica e musicale, grazie alla presenza del Conservatorio di Venezia,  dell’Accademia di Belle Arti di Venezia o del Naba di Milano. 

 

“Siamo molto soddisfatti della risposta avuta dal pubblico – afferma Nicola Torricella, dirigente della Città metropolitana di Venezia per l’area Istruzione, promotore dell’evento – che  premia il raddoppio dell’offerta di quest’anno rispetto al precedente e una crescente domanda di conoscenza e di orientamento da parte di studenti e famiglie. Stiamo raccogliendo i frutti di una rete cresciuta nel tempo tra i diversi attori del sistema di istruzione e formazione e la Città metropolitana di Venezia, che è riuscita a realizzare, grazie anche ad un buon lavoro di squadra, una risposta che ha superato non solo i propri confini, ma anche quelli regionali”.  Il riferimento è alle strutture universitarie e formative di Ferrara, Udine, Padova e Vicenza, presenti al salone.

 

Un successo cui ha contribuito certamente anche la cornice del Forte Marghera, graziato in questa edizione da splendide giornate di sole. La struttura è apparsa apprezzata e vissuta anche dagli studenti, che hanno potuto aggiungere al cartellone di Fuori di banco anche le molte attrattive del luogo, giochi all'aria aperta per partite a scacchi o a shangai giganti, oltre alla possibilità di visitare il padiglione della Biennale Architettura. 

 

Resoconto fotografico e video dell’evento di questa prima settimana nei social: Instagram e Facebook. Tutte le info sul salone e sull’offerta formativa superiore e di terzo livello sul sito Fuoridibanco.

 

Prossimo appuntamento dal 5 al 7 ottobre, sempre al Forte Marghera, con orario 8-18 (escluso sabato, fino alle 13), per famiglie e alunni in uscita dalla terza media: protagoniste saranno le istituzioni scolastiche superiori del territorio metropolitano con tutti i loro indirizzi, presenti al padiglione 30, in sostituzione dell’offerta universitaria e post-diploma. L’offerta culturale e di approfondimento, ospitata nell’edificio 53 (subito dopo l’accesso al Forte, a sinistra) sarà caratterizzata da attività laboratoriali per far emergere negli alunni le loro attitudini, riconoscere le competenze di base e trasversali (soft skills), orientarsi alla scelta, e con l’immancabile focus sull’importanza delle scelte Stem, in un futuro sempre più esigente in fatto di competenze tecnologiche e informatiche.

 

Anche in questo caso, sia per la visita agli stand sia, soprattutto, per il cartellone eventi, è necessaria l’iscrizione presso il sito di Fuori di Banco.

 

Fuori di banco è realizzato con la collaborazione dell’Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto, Università Ca’ Foscari Venezia, Iuav Istituto universitario di architettura di Venezia, Città di Venezia Europe Direct, Veneto Lavoro, Confindustria Venezia Rovigo e Punto Confindustria, Ccia Venezia Rovigo, Esu Venezia, Sestante di Venezia e Ance giovani.